Piccoli consumatori crescono ed imparano, con l’Adoc e AIM Ambiente

logo y4e-300x198

“Piccoli consumatori crescono ed imparano: io posso Ridurre, Riutilizzare, Riciclare, Recuperare come scegliere e cosa acquistare” è il titolo del progetto illustrato questa mattina nella sede ADOC UIL di Vicenza, alla presenza della presidente Adoc Vicenza, Cinzia Cariolato, del presidente Adoc Regionale Sergio Taurino, e del direttore AIM Ambiente Ruggero Casolin.

Il progetto ha preso avvio lo scorso novembre e si concluderà a giugno, sta coinvolgendo oltre mille bambini di 2 scuole dell’infanzia e 51 classi della scuola primaria, attraverso 155 ore di formazione in aula suddivisi in 2 laboratori, il primo laboratorio teatrale gestito da Nadia Baruffato e un secondo creativo gestito dalla stessa Cinzia Cariolato.

L’iniziativa è completamente gratuita per le scuole, è stata presentata all’interno del POFT (Piano Offerta Formativa Territoriale) del comune di Vicenza per l’anno scolastico 2015/16, ed è stata resa possibile grazie ai fondi raccolti con il 5x1000 che ogni contribuente, in sede di dichiarazione dei redditi, può decidere di devolvere all’Adoc.

Importante anche la collaborazione offerta da AIM Valore Ambiente, che ha contribuito e sostenuto i promotori nel raggiungimento degli obiettivi progettuali.

«La finalità del nostro progetto – ha ricordato la presidente Cariolato - è di rendere consapevoli i bambini che il futuro dell’ambiente e dell’uomo passa attraverso la responsabilità e l’attenzione riservata all’ambiente, inteso come ecosistema. Determinante quindi acquisire le competenze necessarie per essere giovani consumatori consapevoli; sensibilizzare sui problemi legati allo smaltimento dei rifiuti e sulle buone pratiche dell’ecosistema, producendo comportamenti conseguenti; infine, conoscere in modo concreto e reale la composizione dei rifiuti».

Per il presidente Adoc regionale Sergio Taurino, si tratta di una iniziativa che sarà certamente esportata anche in altre province, in quanto è paradigmatica della felice collaborazione tra un’associazione che tutela i consumatori, l’Adoc, e un’azienda di servizi come AIM Ambiente. «Il nostro modo di concepire le associazioni di consumatori è cambiato: non vogliamo più essere controparte delle aziende, qualsiasi esse siano, ma fungere da facilitatori di incontro e di confronto tra esperienze e informazioni, in modo da migliorare ed arricchire costantemente la qualità dei servizi erogati».

Anche per il direttore di AIM Ambiente Ruggero Casolin, che ha portato i saluti dell’amministratore unico Piergiorgio Balbo oggi trattenuto da impegni di lavoro, è fondamentale il proficuo rapporto con realtà ben strutturate e sensibili come l’Adoc, in particolare se finalizzate alla sensibilizzazione e all’educazione degli adulti del domani, non solo per quanto riguarda la raccolta differenziata, ma soprattutto per la diffusione delle buone prassi che privilegino il riuso e il riciclo dei materiali.

In questo senso, a tutti i bambini che partecipano al progetto, come incentivo, Adoc e AIM Ambiente regalano una borraccia riutilizzabile da mezzo litro per portarsi a scuola l’acqua, al posto delle bottigliette usa e getta.

In prospettiva, per la fine dell’anno scolastico è stata annunciata una festa promossa sempre a quattro mani da Adoc e da AIM Ambiente, mentre per il nuovo anno scolastico, in considerazione dei numerosi e incoraggianti riconoscimenti ricevuti dalle famiglie e dagli insegnanti, è già in cantiere una nuova edizione.

Questo sito utilizza cookies per la sua funzionalità. Utilizzandolo accetti che vengano scaricati sul tuo apparecchio.

Leggi la privacy policy

Leggi la direttiva europea sulla e-privacy

Hai rifiutato i Cookie. Questa decisione può essere cambiata.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.