Energia, Adoc scrive al Ministro Calenda: preoccupati da abolizione del Mercato Tutelato

luce2

In previsione dell’abolizione del Mercato Tutelato per i clienti domestici del settore energetico l’ADOC esprime forti perplessità e preoccupazioni, in particolare per un possibile ed ingiustificato aumento dei prezzi di elettricità e gas per i clienti domestici. Per questo l’Associazione dei consumatori, insieme a ACU, ADUSBEF, ASSOUTENTI, CASA DEL CONSUMATORE, CODICI, CTCU, FEDERCONSUMATORI, LEGA CONSUMATORI, UDICON e UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI, ha inviato una lettera al Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, al Viceministro Bellanova e al Sottosegretario Gentile evidenziando i punti di attenzione e le possibili criticità derivanti dal passaggio al Mercato Libero per i consumatori.

Di seguito il link alla lettera inviata al Ministro Calenda

Al Ministro Calenda

Adoc, bene Eni su sviluppo green diesel, ma occorre puntare sui biocarburanti di seconda generazione

Green-Diesel 64891 image

L'impegno di ENI per la ricerca e lo sviluppo di nuovi carburanti più sostenibili per l'ambiente, viene salutata con favore da Adoc. In particolare lo sviluppo dei carburanti alternativi, come il green diesel, in grado di ridurre le emissioni di CO2.

“Apprezziamo il fatto che l’Eni sia all’avanguardia nello sviluppo di biocarburanti, come testimoniato dalla realizzazione del primo esempio al mondo di bioconversione di una raffineria petrolifera, presso Venezia – dichiara Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc – i biocarburanti possono rappresentare una valida alternativa agli attuali prodotti, in termini di riduzione dei consumi, miglioramento delle prestazioni e di contenimento delle emissioni di CO2. A patto, però, che la ricerca e lo sviluppo venga indirizzata sui biocarburanti di seconda generazione, prodotti con materie prime come, ad esempio, legno e cellulosa, la coltivazione delle alghe o quella del miscanto, più sostenibili a livello ambientale e meno inquinanti degli attuali biocarburanti di prima generazione, su cui sono sorte alcune controversie sul reale impatto ambientale prodotto. Eni ha già intrapreso questa strada, pertanto ci auguriamo che prosegua su questo suo cammino di investimenti, diventando leader mondiale nello sviluppo di biocarburanti “buoni”, realmente efficaci e sostenibili.”

Firmato protocollo di conciliazione tra Energetic Source e Associazioni dei consumatori (2)

Il gruppo Energetic Source SpA ha proposto ad alcune Associazioni dei consumatori un protocollo di autoregolamentazione volontaria in materia di contratti ed attivazioni non richieste, più garantista della delibera 153/2012 adottata dall'AEEG sulla materia. Tale gruppo presente in Italia per la vendita dell'energia elettrica e gas naturale si pone l'obiettivo di garantire la piena tutela dei clienti finali, acquisendo gli stessi con proposte chiare ed evitando raggiri, come purtroppo è successo negli ultimi anni in questo settore. Da qui il coinvolgimento delle Associazioni dei consumatori sul percorso dei contratti non richiesti, ma anche per la gestione dei reclami. In generale sono previsti tempi di risposta migliorativi rispetto alle delibere dell'AEEG. I tempi massimi indicati di fatto sono 30 giorni rispetto ai 40 della delibera 164/08, inoltre è previsto un canale dedicato alle AACC per agevolare i contatti e la risoluzione dei problemi che pongono i clienti finali. Per avere una risposta nei tempi indicati è necessario che i reclami siano impostati con i dati necessari, quale il recapito della Associazione, telefono, email ecc, nonché i dati del cliente. L'Adoc si dichiara soddisfatta di quanto convenuto, in quanto è un ulteriore passo verso l'estensione dei protocolli per la risoluzione delle controversie, con il confronto bilaterale fra Associazioni ed imprese e con il vantaggio per i cittadini in termini di costi e tempo .

Firmato protocollo di conciliazione tra Energetic Source e Associazioni dei consumatori

Il gruppo Energetic Source SpA ha proposto ad alcune Associazioni dei consumatori un protocollo di autoregolamentazione volontaria in materia di contratti ed attivazioni non richieste, più garantista della delibera 153/2012 adottata dall'AEEG sulla materia. Tale gruppo presente in Italia per la vendita dell'energia elettrica e gas naturale si pone l'obiettivo di garantire la piena tutela dei clienti finali, acquisendo gli stessi con proposte chiare ed evitando raggiri, come purtroppo è successo negli ultimi anni in questo settore. Da qui il coinvolgimento delle Associazioni dei consumatori sul percorso dei contratti non richiesti, ma anche per la gestione dei reclami. In generale sono previsti tempi di risposta migliorativi rispetto alle delibere dell'AEEG. I tempi massimi indicati di fatto sono 30 giorni rispetto ai 40 della delibera 164/08, inoltre è previsto un canale dedicato alle AACC per agevolare i contatti e la risoluzione dei problemi che pongono i clienti finali. Per avere una risposta nei tempi indicati è necessario che i reclami siano impostati con i dati necessari, quale il recapito della Associazione, telefono, email ecc, nonché i dati del cliente. L'Adoc si dichiara soddisfatta di quanto convenuto, in quanto è un ulteriore passo verso l'estensione dei protocolli per la risoluzione delle controversie, con il confronto bilaterale fra Associazioni ed imprese e con il vantaggio per i cittadini in termini di costi e tempo .

Disdetta Sorgenia

Gli utenti che decidono di interrompere la fornitura di energia elettrica sottoscritta con Sorgenia, possono inviare una lettera di recesso al seguente indirizzo:
SORGENIA SPA - Casella postale 14287 - 20152 Milano
La lettera va inviata con Raccomandata A/R e con un preavviso di almeno 30 giorni, secondo le disposizioni in materia del Decreto Bersani. Sorgenia è molto attenta alle esigenze dei consumatori e le informazioni sulla procedura di disdetta sono comunicate con chiarezza e completezza anche sul sito istituzionale. L'azienda mette a disposizione dei consumatori anche un modulo di disdetta che naturalmente va stampato, compilato in ogni sua parte, firmato ed inviato a mezzo raccomandata postale, come da procedura prevista per legge.

Questo sito utilizza cookies per la sua funzionalità. Utilizzandolo accetti che vengano scaricati sul tuo apparecchio.

Leggi la privacy policy

Leggi la direttiva europea sulla e-privacy

Hai rifiutato i Cookie. Questa decisione può essere cambiata.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.