La stangata parte dalla luce e dal gas


luce e gasRINCARI INGIUSTI
 
Nel primo trimestre del 2018, si registrerà un aumento del +5,3% per le forniture elettriche mentre per quelle gas del +5% a causa dell'incremento delle quotazioni petrolifere (che determina un aumento nei costi dei trasporti), i forti rincari del gpl e la grave siccità del periodo estivo (che provocherà rincari nelle tariffe idriche).

Leggi tutto: La stangata parte dalla luce e dal gas

RINCARI AUTOSTRADALI 2018

"CARISSIMA AUTOSTRADA"Anas-Lavori-in-Corso-strade-Traffico-44-1024x768
 
Un ritornello che sentiamo ormai da anni, il primo gennaio 2018, aumentano le tariffe di pedaggio autostradale. L'incremento medio del pedaggio per i veicoli sull'intera rete autostradale sarà del 2,74%.
Sono interessate dall'aggiornamento ventitrè Concessionarie autostradali oltre alle tre (T.E.E.M, Pedemontana Lombarda e Bre.Be.Mi.) il cui concedente è la Concessioni Autostrade Lombarde (CAL) spa.

Leggi tutto: RINCARI AUTOSTRADALI 2018

Mini stangatina

shopper biodegradabile 2288BIOSHOPPER A PAGAMENTO
 
Scatta l'obbligo dell'uso di soli sacchetti biodegradabili per gli alimenti. Vietati tutti i sacchetti di plastica usati finora per insaccare carne, verdura e la spesa in generale.

Leggi tutto: Mini stangatina

Rincari 2018


COSA AUMENTA? TUTTO!rincari2018 640 ori crop master  0x0 640x360
 
La stangata che colpirà gli italiani a partire dal 1° gennaio 2018 sarà di circa mille euro.
La spesa in più che ogni famiglia dovrà affrontare nel nuovo anno riguarderà non solo le tariffe e i pedaggi autostradali ma anche i consumi, costi di trasporto (con inevitabile ricaduta su alimenti e prodotti agricoli), Tari (nonostante le «tariffe pazze» dei Comuni che verranno rimborsate), elettricità, gas, aumento delle tariffe per professionisti e artigiani, i ticket sanitari, tariffe postali e i servizi bancari.
Persino i sacchetti biodegradabili saranno a pagamento.
Cresce così il rischio povertà o esclusione sociale con oltre 18 milioni di persone a rischio: nulla di buono aspetta i consumatori italiani e questi incrementi per molte famiglie sono insostenibili, è urgente una seria azione del governo per controllare e contrastare ogni aumento ingiustificato.

LIBERIAMOCI DEL CANONE RAI 2018

STOP AL CANONE RAI SE NON HAI LA TV ! ! !
 
televisore-rottamatoNon hai la TV e quindi non vuoi pagare il canone RAI? Hai tempo fino al 31 gennaio 2018 presentando il modello di dichiarazione sostitutiva all'Agenzia dell'Entrate.

Il modello si può scaricare direttamente dal sito della Rai ( www.canone.rai.it ) ed è consigliabile presentare la richiesta entro il 31 dicembre 2017 per evitare di pagare la prima rata che come di consueto scatta in gennaio (2018).
 
Ad ogni modo ci sono quattro metodi d'invio per la richiesta:
1. Attraverso un'applicazione che troviamo a nostra disposizione sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate, accedendo tramite delle credenziali rilasciate dall'Agenzia;
2. Attraverso gli enti abilitati (caf)
3. Attraverso i servizi postali inviando il plico (senza busta) a mezzo raccomandata, all'indirizzo: Agenzia delle Entrate Ufficio di Torino 1, S.A.T. S portello abbonamenti tv – Casella Postale 22 – 10121 Torino.
4. Attraverso PEC (posta elettronica certificata): Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookies per la sua funzionalità. Utilizzandolo accetti che vengano scaricati sul tuo apparecchio.

Leggi la privacy policy

Leggi la direttiva europea sulla e-privacy

Hai rifiutato i Cookie. Questa decisione può essere cambiata.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.